Skip to content


Procura di Ragusa attacca la solidarietà umana

Lunedì mattina la Procura della Repubblica di Ragusa, ha dato il via alle “danze” contro Mediterranea Saving Humans con grande larghezza di uomini e mezzi. Decine di perquisizioni in abitazioni, sedi sociali e sulla nave Mare Jonio. Accuse pesanti per criminalizzare le attività di soccorso in mare a quattro attivisti. Battaglia personale, dichiarata più volte in pubblico, dal Procuratore di Ragusa Fabio D’Anna, che è arrivato a dire che “bisogna che non passi l’idea che sottrarre i migranti dalle mani dei libici possa essere una cosa consentita”. In questo clima di continua criminalizzazione del dissenso, che va dalle foibe all’isteria anticomunista, l’infame accusa di lucro economico da parte dei volontari delle Ong è spaventosamente efficace per aizzare la pancia del “popolo”,  per rilanciare xenofobia e intolleranza. Mentre sui social i fascio-sovranisti si scatenano contro le Ong (e qui da noi in particolare contro Donatella Albini volontaria di Mediterranea), e mentre i mezzi di comunicazione di massa lanciano roboanti e malevoli annunci sull’inchiesta in corso, la “vergogna d’Europa” continuerà imperterrita. Altri esseri umani saranno vittima di stragi, torture, detenzioni nei lager libici e a subiranno crimini intollerabili contro l’umanità. Mentre quatto fascisti starnazzano fesserie contro le organizzazioni umanitarie, perché “prima gli italiani”, noi diamo la nostra solidarietà a Mediterranea e a Donatella Albini e vogliamo che continuino la loro opera di soccorso nonostante l’infame e prevedibile offensiva giudiziaria di cui sono vittima.

Posted in informazione antifa, realtà antifa, territorio, Varie.