Skip to content


FASCISMO E RAZZISMO MATRIMONIO PERFETTO

NEL SILENZIO DELLE COSCIENZE

L’estate è densa di avvenimenti, lontana, per la gravità dei fatti, dall’indolente quiete della canicola e dai desideri balneari. Sarà il cambiamento climatico, tema confinato nel folklore adolescenziale, ma che ci presenterà un conto salato. L’attacco ai diritti dell’uomo, alla democrazia e all’ambiente infuria e sembra concentrarsi, anche a livello internazionale, in una serie di episodi sempre più fitta, un’accelerazione della morsa del capitalismo per una società globale autoritaria.

Salvini sgombera la scuola dei senza casa a Primavalle dopo un assedio di dodici ore. La fotografia del bambino con i libri in mano che se ne va, fiero e pieno di dignità sotto lo sguardo indifferente di poliziotti in tenuta antisommossa, sgomenta qualsiasi essere umano degno di questo nome. Un’immagine che evoca l’eco di tragedie ignobili già consumate dai fascismi.

 

Contemporaneamente a Gallarate si scopre un arsenale di armi da guerra, c’è anche un missile di fabbricazione francese lungo tre metri, che dei fascisti, tra cui Fabio Del Bergiolo militante e candidato di Forza Nuova, stavano tentando di vendere al miglior offerente. Quadro inquietante in tutta Italia della potenza e qualità organizzativa dell’eversione nera in Italia.

Qualche giorno prima neofascisti italiani e ucraini avevano manifestato davanti all’ambasciata italiana di Kiev contro la condanna del fascista Markyv colpevole di aver assasinato Andrea Rocchelli nel Donbass.

E ancora nei giorni scorsi: i fascisti di Brescia ai Bresciani avevano fatto una spedizione punitiva alla filiale di via Veneto di Banca Etica. Sono arrivati di notte mascherati con uno striscione che diceva: “Banca Etica: ONG finanziate €urocessi”.

Hanno acceso fumogeni, lanciato un water davanti all’ingresso, si sono fatti dirette social e poi spariti. La provocazione ha avuto comunque risposta adeguata da cittadini e antifascisti.

 

Altre amenità estive: Trump twitta “se ne tornino a casa loro” a quattro deputate democratiche non bianche. Salvini deve vedersela con i rubli che non ha visto. Castellino leader romano di Forza Nuova è condannato a quattro anni per gli scontri durante lo sgombero per assegnare un alloggio Aler a una famiglia eritrea nel 2017. In Bosnia i migranti sono ammassati in una discarica e sorvegliati dall’esercito. E Zingaretti vuole farci credere che il PD si può rivoluzionare.

 

Tutti i movimenti e le formazioni fasciste ed eversive nel mondo sono sempre state accomunate da un denominatore comune: il razzismo. Oggi edulcorato con il termine sovranismo, che non cambia le cose. Dai nazisti ai fascisti l’ossessione della purezza della razza è sempre stata il collante e il combustibile per il controllo sociale degli ultimi. Ha sempre funzionato a meraviglia per mettere i “poveri cristi” gli uni contro gli altri e purtroppo continua a funzionare. Addormenta le coscienze, alimenta il piccolo egoismo personale, emenda dalla vergogna di provare sentimenti così infami e beceri. E la riprova che il razzismo è efficace, sta nell’assordante silenzio di tutte le sigle di estrema destra bresciane sugli scottanti temi di cui sopra, anche quando li coinvolgono direttamente per arresti e condanne dei loro militanti.

 

Laura Castagna si scopre femminista dell’ultima ora e posta su FB un indignato appello contro la discriminazione di genere attuata da Romano del PD contro Francesca BulinaronoForza Nuova spinge solo sulla difesa di Castellino. Casa Pound attacca la ministra Trenta per lo scontro con Salvini, il loro infiltrato nella Lega , guarda caso sull’immigrazione, unica e vera grande catastrofe epocale. Brescia ai Bresciani, dulcis in fundo, continua su FB nell’attacco a Banca etica.

 

Bene! L’imperativo è continuare far finta di niente di fronte alla scoperta di tutti i loro schifosi e lucrosi traffici internazionali, zitti e muti. Però alzare continuamente il tiro contro i più deboli: immigrati in fuga, rom, bambini sgomberati con i loro libri. E tutto per fare il gioco del loro Dio Salvini sempre in cerca di “emergenze” per spostare l’attenzione mediatica e sociale.

Storia vecchia della destra che continua a dire bugie sempre più grosse, ripeterle all’infinito e sperando che alla fine tutti ci credano. Il matrimonio, condito di bugie, tra fascismo e razzismo funziona sempre, ma sempre nel silenzio e nell’oblio delle coscienze e della realtà tangibile dei fatti.

Per citare per citare la bionda Caldarrosta: VERGOGNA!

 

 

 

 

Posted in informazione antifa, realtà antifa, territorio, Varie.