Skip to content


12 Dicembre 1969 La Strage di Piazza Fontana

Domani ricorre l’ennesimo anniversario della strage di Piazza Fontana. La madre di tutte le stragi è ancora lì che ci ricorda in ogni momento che la lotta con il fascismo non è chiusa. Gli interrogativi di allora sono molti, e tuttora aperti e s’intersecano perfettamente con quelli suscitati dai movimenti fascisti di oggi.

Il proliferare continuo di nuove sigle, gruppi e associazioni di dichiarato stampo fascista è il segno dei tempi e l’osservazione militante un dovere.

Questo governo, con i DDL sicurezza e Pillon ,non solo è connivente con il fascismo, ma ne alimenta e amplifica l’azione a tutti i livelli. L’atteggiamento reazionario e repressivo vuole istituire di nuovo uno stato di polizia e annientare la lotta antifascista e anticapitalista.

Domani sarà pubblicata su Carmilla con il titolo “CHI E’ STATO?” la recensione dell’ultimo dossier di Saverio Ferrari “12 Dicembre 1969 la Strage di Piazza Fontana”. Lavoro che ripercorre la storia politica e giudiziaria della strage e ne sottolinea gli enormi interrogativi ancora aperti, aggiungendo nuove inquietanti informazioni che rendono meno oscuro il quadro delle responsabilità penali, istituzionali e politiche.

Inoltre, la recensione è anche l’occasione di affrontare un nuovo tema: i DO-RA di Varese, questa realtà monitorata costantemente dalla loro costituzione, nel novembre 2012, quando nessuno ne aveva colto per tempo la pericolosità, resa evidentedopo l’intervista rilasciata da Alessandro Limido, che dovrebbe essere perseguito anche per la legge Mancino. Discriminazione all’odio razziale, etnico e religioso, apologia palese del nazionalsocialismo sono gli ingredienti di DO-RA.

Risulta evidente il profilo eversivo dell’associazione, che ha come obiettivo strategico il rovesciamento delle istituzioni democratiche e Antifasciste.

Inoltre DO-RA ammette la volontà di voler riorganizzare il partito fascista e di non poterlo fare subito solo perché adesso non ne ha le forze, ma il progetto è questo.

 

CONTRO LO STATO DELLE STRAGI E DELLA CRIMINALIZZAZIONE DELLE LOTTE SOCIALI

ANTIFASCISMO SUBITO

 

Posted in informazione antifa, storia e memoria.