Skip to content


La cultura del Far West

I fascisti bresciani hanno sposato in pieno la cultura del “facciamoci giustizia da soli”: da
un lato annunciano la ripresa delle ronde cittadine in nome dell’ordine e della “pulizia”. Si improvvisano poliziotti ma fanno quello che hanno sempre fatto: squadristi, picchiatori pronti a sedare il crimine preferibilmente se con la pelle scura o con le insegne antifasciste.
Dall’altro, lato aprono una campagna di raccolta fondi per sostenere le spese legali di un
assassino, già condannato in primo grado per aver sparato ad un ladruncolo.
Se la logica è quella di farsi giustizia da soli con l’ausilio di armi da fuoco o manganelli,
allora, visto che la legge italiana vieta espressamente il fascismo, chi si professa tale o
aderisce ad organizzazioni nazi-fasciste, deve essere perseguito non con le denunce ma con le
bastonate.
Questa cultura che lor signori professano va condannata e respinta perché il crimine non si combatte
chiudendosi in casa dietro fili spinati e nidi di mitragliatrici o militarizzando le città.
Il crimine si combatte con la solidarietà e con la socialità: riempiendo le strade e le piazze.

Posted in informazione antifa, territorio.

Tagged with , , .